Orari di apertura

Lunedì
9.00 - 19.00
Martedì
9.00 - 19.00
Mercoledì
9.00 - 19.00
Giovedì
9.00 - 19.00
Venerdì
9.00 - 19.00

Tutti i giorni orario continuato

Contatti

Tel: 049 9413470
E-mail: biblioteca@comune.cittadella.pd.it
Villa Rina - Borgo Treviso

Dove trovarci

mpas

Servizi della Biblioteca

Catalogo

Accedi al catalogo della Provincia di Padova - Rete Clavis

entra
seguici su facebook

Villa Rina

Un elegante edificio dell'800 a Cittadella

Signorile costruzione dell'800, dal 2001 è sede della Biblioteca Comunale. L'edificio fu proprietà Mastini, Della Scala e Malfatti. Oggi è proprietà comunale. Lo stemma sulla facciata è riferito alla famiglia nobile vicentina Mastini della quale, in età napoleonica, Federico fu podestà di Cittadella. I Mastini possedevano nei dintorni della città ben centosette campi. La costruzione si trova all'esterno delle mura cittadine, nelle immediate vicinanze di Porta Treviso. L'edificio ha l'aspetto di una casa padronale, con ampie stanze e classiche e decorazioni sulla facciata. Impostata su due piani abitativi oltre la soffitta, segnalata da piccole finestre rettangolari, la villa ha un elegante portale architravato e modanato, affiancato da due finestre a formare una trifora, cui corrispondono al piano nobile altrettante forometrie con poggiolo in pietra e decorazioni a timpano sopra le tre luci. Le finestre laterali sono maggiormente distanziate, secondo la consueta tipologia veneta. La facciata è impreziosita da decorazioni a bugnato al piano terra, con leggera cornice a concio sugli spigoli e lesene che separano la parte centrale dalle due laterali. Alcune cornici orizzontali, semplici o doppie, segnalano la suddivisione dei piani e marcano il tetto aggettante. Il corpo principale della costruzione è affiancato da due brevi ali laterali a due livelli: quella di sinistra, completamente rimaneggiata, presenta finestre centinate al primo piano, quella di destra un portico con pilastri bugnati e tre fornici e una loggia trasformata in veranda. Segue un corpo con finestra centinate, come l'ala di sinistra. Poco discostata da quest'ultima, si eleva una torre medioevale scaligera su base quadrata, con merlature ghibelline a nido di rondine poste sopra una fila di archetti ciechi. La torre è affiancata da due corpi cilindrici con funzione di scala ed era adibita ad avvistamento, nonostante la vicinanza delle mura cittadine.

da: Ruggiero Marconato, Ville dell'Alta Padovana. Banca Credito Cooperativo
dell'Alta Padovana, 2003

Scroll to Top