Informazioni generali

La materia della somministrazione di alimenti e bevande all'interno del Comune di Cittadella è disciplinata da un regolamento che persegue le finalità della Legge Regionale 29/2007, nonché le finalità previste dal Decreto-legge 6/12/2011 n. 201 “Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici” convertito, con modificazioni, dalla Legge 22/12/2011 n. 214.

Recepisce inoltre i principi espressi dal D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59 “Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno” (Bolkestein), per quanto concerne i motivi imperativi d'interesse generale.

In particolare, intende contemperare l’interesse dell’imprenditore al libero esercizio dell’attività con quello della collettività di salvaguardare le ragioni di pubblico interesse, tra le quali l'ordine pubblico, la sicurezza pubblica, l'incolumità pubblica, la sanità pubblica, la tutela dei lavoratori compresa la protezione sociale dei lavoratori, la tutela dei consumatori, dei destinatari di servizi e dei lavoratori, l'equità delle transazioni commerciali, la lotta alla frode, la tutela dell'ambiente, incluso l'ambiente urbano, la conservazione del patrimonio nazionale storico e artistico, architettonico ed ambientale, l’ecosistema del territorio cittadellese e la salute pubblica. Intende infine garantire un adeguato livello qualitativo delle attività che si insediano nel territorio comunale.

La disciplina trova altresì il suo fondamento nel fatto che il Centro Storico di Cittadella, di origini medioevali, ed i quattro borghi (Bassano, Vicenza, Padova e Treviso) sono inserite nel vincolo paesaggistico di cui al D.Lgs. 42/2004 come aree di notevole interesse pubblico.

Il regolamento tutela, quale patrimonio nazionale, la tradizione e la cultura della cucina italiana e veneta e dell’arte culinaria espressa dalle attività di ristorazione presenti nel territorio comunale.

Il regolamento recepisce le finalità previste dalla L. 30 marzo 2001, n. 125 “Legge quadro in materia di alcol e di problemi alcol-correlati”, ed in particolare quanto espresso all’art. 2 comma 1 lettera a) (finalità), nonché le finalità del “Piano di azione europeo 2012 - 2020 per ridurre il consumo dannoso di alcool“ predisposto dal WHO, regional office for Europe.

Tramite il link ad impresainungiorno (http://www.impresainungiorno.gov.it) è possibile predisporre ed inviare le necessarie pratiche amministrative per aprire, sospendere, trasferire chiudere ecc le attività di somministrazione di alimenti e bevande. Nella sezione modulistica della presente pagina web è altresì scaricabile l'ulteriore modulistica non presente in impresainungiorno.

Link a servizio online

Orari di apertura

  • Lunedì 9.00 – 12.30 16.00 – 18.00
  • Martedì: 10.00 – 13.15
  • Mercoledì: 10.00 – 12.30 16.00 – 18.00
  • Giovedì: 10.00 – 13.15
  • Venerdì: 10.00 – 13.15

  • Orari di ricevimento con prenotazione
    Lunedì, Venerdì 9.00 – 13.00
  • Mercoledì 16.00 – 18.00

Contatti

Ultimo aggiornamento:

11/06/2020

Ulteriori informazioni

Modalità avvio:

Ad istanza dell'interessato

Conclusione procedimento:

Silenzio assenso

Rilevanza SUAP:

Responsabili

Unità organizzativa responsabile dell'istruttoria:

Commercio e Attività produttive (Responsabile: Nichele Emanuele)

Titolare del potere sostitutivo (persona a cui rivolgersi in caso di inerzia nel procedimento)

Segretario generale